Il 29 e 30 maggio a Napoli presso l’Aula Magna del Liceo Antonio Genovesi (Piazza Gesù Nuovo 1) si terrà un convegno organizzato con la partecipazione della Fondazione Minotauro sull’attuale tema dell’inclusione sociale dei giovani. Interverranno diversi soci del Minotauro: Katia Provantini, Alessia Lanzi, Tania Scodeggio, Dario Cuccolo, Gregorio Magri, Anna Arcari e Nicoletta Simionato.

Metodologie a confronto
Troppi giovani sostano nelle nostre scuole privi di interesse per lo studio e per un progetto di vita, mentre altri, che vivono gravi forme di disagio, abbandonano o si ritirano da ogni relazione sociale. Si tratta di fenomeni diffusi in ogni ambiente; dove il rischio evolutivo è più grave, a causa della difficoltà di scuola e famiglia a dare risposte adeguate, si sono sviluppate nuove sperimentazioni educative con il contributo del terzo settore. Studiare queste esperienze è oggi essenziale per pensare ad un profondo cambiamento delle metodologie educative.

Costruttiva-mente
Tra gli strumenti per attivare apprendimento ed inclusione sociale, sperimentati in ambiti sociali e geografici diversi da Maestri di Strada e Minotauro, ci sono i Laboratori “Costruttiva-mente”, configurazioni di didattica attiva in cui si sommano le caratteristiche del metodo sperimentale e quelle di un ambiente umano accogliente, creativo, cooperativo ma che rispetta le asimmetrie educative: un dispositivo pedagogico su cui riflettere per evitare improvvisazioni.

PROGRAMMA