Esistono dei sogni particolarmente frequenti o ricorrenti il cui contenuto può essere considerato “tipico” indipendentemente dalla cultura di appartenenza? Se sì, quali sono i più frequenti contenuti tipici dei sogni e come cambiano nel corso del ciclo di vita?

Per rispondere non unicamente a queste due domande, presentiamo i risultati di una ricerca molto ampia condotta su un campione di soggetti (N = 1546) rappresentativo delle diverse fasi del ciclo di vita, proposta di recente al Meeting dell’International Society for Adolescent Psychiatry and Psychology di New York (Marzo 2015).

Ad ogni soggetto, dai bambini agli anziani, è stato chiesto di raccontare il loro sogno più recente (Harmann et al., 1991; Maggiolini et al., 2010) ed è stato utilizzato il Typical Dream Questionnaire per codificarne i contenuti.

I contenuti tipi sono effettivamente molto frequenti nei sogni e le frequenze di specifici contenuti cambia notevolmente nel corso del ciclo di vita. Sogni riguardanti paure, attacchi, scuola o esami, competizioni e gravità sono contenuti frequenti nei sogni degli adolescenti.

È possibile concettualizzare i contenuti tipici dei sogni come espressione del sognatore rispetto ad una intenzionalità, un punto di vista rispetto a qualcosa, aprendo così la strada ad una interpretazione dei sogni derivante dai risultati dei dati empirici raccolti.

[slideshare id=48512689&doc=maggioliniisappnewyork-150523113517-lva1-app6892]